AREA
RISERVATA

Categoria: testimonianze

Alternanza Scuola Lavoro: Mediazione, Turismo e Marketing a Rimini

La Testimonianza del nostro tutor Alessandro:

LA COMUNICAZIONE (E LA COMUNITA') TURISTICA, LA CULTURA DELL'ACCOGLIENZA E DELL'INTEGRAZIONE: IL MODELLO RIMINI

Nell’ambito del progetto di alternanza scuola lavoro denominato mediazione (culturale) marketing e turismo, gli alunni delle classi quarte dell’istituto I.I.S. Genzano di Lucania accompagnati dai loro professori e da due tutor del territorio hanno soggiornato a Rimini una settimana partecipando a visite, discussioni sui temi proposti e lavori di gruppo per entrare più a fondo nella realtà turistico sociale della capitale delle vacanze.

Insieme abbiamo sviluppato il titolo del loro progetto di alternanza: che cosa è la mediazione culturale e quanto conta oggi, come funzionano il marketing e le strategie di comunicazione di una moderna e accessibile realtà turistica, come nel turismo ci possa e ci debba essere anche una commistione di temi sociali quali l’integrazione di persone e lavoratori con problematiche di vario tipo e l’integrazione di migranti italiani e stranieri, comunitari ed extracomunitari e delle loro relative comunità.

Mediazione ASL Sale Scuola Viaggi
Mediazione ASL Sale Scuola Viag

Abbiamo visitato la Rimini “antica”, la città romana e medievale, partendo dal Duomo di Leon Battista Alberti, voluto dal l’illuminato signore locale Sigismondo Pandolfo Malatesta, arrivando al visitor centre di “ARimini caput viarum” e al suo bellissimo percorso multimediale, visitando la Domus del chirurgo e  ammirandone i pregevoli mosaici, le attrezzature rinvenute e l’organizzazione di un “moderno” medico di epoca romana.

Nel pomeriggio ci siamo chiesti quali fossero i punti deboli ed i punti di forza della accessibilità a tali monumenti, e quale la comunicazione “turistica” di tutto ciò che abbiamo visitato; i ragazzi hanno partecipato attivamente producendo per gruppi video dimostrativi su tali argomenti

Abbiamo scoperto la realtà della cooperativa centofiori, e delle altre cooperative sociali che collaborano insieme, il nostro “Virgilio”, al secolo il bravissimo Enrico Rotelli, ci ha illuminato su che cosa è una cooperativa sociale, che ruolo svolge, quali funzioni e quali possibilità garantisce nella comunità riminese, accompagnandoci nella visita. Abbiamo parlato di persone con problemi fisici o psicologici e di come poter aiutare questi nell’inserimento nel mondo del lavoro e quindi nella società, e di persone con alle spalle problemi di altro tipo, “errori” di vita, come dipendenze da droghe o alcool o gioco d’azzardo, o periodi di carcerazione, che uscendo dalle loro difficoltà ambiscono a tornare parte partecipante della società, attraverso il lavoro e l’assistenza che possono offrire ad altri ricambiando l’aiuto ricevuto.

Le cooperative sociali sono parte integrante della realtà turistica riminese attraverso i lavori di cui si occupano partecipando ai bandi della amministrazione pubblica, come il mantenimento della pulizia della città, la cura del verde pubblico, la stampa e la grafica, oltre al ruolo sociale vero e proprio.

Interrogati sul confronto tra la realtà riminese e quella lucana, gli alunni hanno preparato una relazione che è stata presentata in sede di conclusione dei lavori.

Mediazione ASL Sale Scuola Viaggi

L’ultimo incontro è stato previsto con un rappresentante della comunità di pescatori lampedusani di Rimini. Pietro, pescatore della seconda generazione, ci ha raccontato l’esodo degli isolani negli anni settanta, costretti ad emigrare in cerca di fortuna per combattere la povertà delle loro terre,  approdati dapprima sulle coste marchigiane e poi su quella riminese. Il loro arrivo creò, si può dire, la prima vera marineria della città romagnola, una fortuna per la città stessa poiché non esistevano pescatori professionisti in un momento storico in cui si stava sviluppando il fenomeno del turismo di massa. Pietro ci ha raccontato che la comunità lampedusana fu da subito ben accettata dalla popolazione autoctona, proprio in virtù del fatto che apportavano un arricchimento nel settore della pesca. Oggi che i lampedusani tornano generalmente indietro alle loro terre natie, la comunità di pescatori è stata sostituita prontamente dalla componente nord-africana, e soprattutto tunisina, in un ricambio continuo di manovalanza; una manovalanza che oggi riguarda cittadini di ogni parte di Italia ed Europa ed altri paesi e che riguarda l’intero settore terziario del turismo… Questa “continuità” ci dà l’idea di quanto sia e debba essere normale e fondamentale per la nostra società, l’accettazione e l’integrazione dei migranti, di qualunque tipo essi siano, proprio per la ricchezza economico e sociale che apportano o apporteranno nel tempo alle nostre comunità, tema oggi molto caldo e molto sentito a livello nazionale ed europeo, ma anche tema molto vecchio nel ricordo di tanti italiani emigrati da sud a nord o anche all’estero alla ricerca di lavoro e delle comunità stesse di italiani dovutesi integrare nelle nuove e spesso molto diverse realtà.

I ragazzi partecipando con interesse al racconto ed alle discussioni sono stati invitati a fare delle fotografie con appropriato commento proprio sul tema della migrazione ed integrazione, creando un concorso con relativa pubblicazione della fotografia vincente. Il commento migliore, sullo sfondo di una foto in bianco e nero che annacquava i colori dei volti dei pescatori è stato “Non vogliamo che i giovani cambino paese, vogliamo che i giovani cambino il paese”.

Nell’ultimo giorno, prima del pomeriggio dedicato alle conclusioni ed alla consegna, da una parte dei lavori prodotti dai gruppi di alunni, dall’altra alla consegna di valutazioni ed attestati, abbiamo avuto il tempo di visitare il “Museo Degli Sguardi”, un museo di raccolte etnografiche che “vorrebbe avvicinare il proprio pubblico alla dimensione riflessiva della nostra relazione con l’arte degli altri”, di nuovo “noi e gli altri”, anche questa è mediazione culturale e anche marketing e turismo. Bravi ragazzi, che questo progetto possa anche regalarvi nuovi orizzonti. Buona continuazione.

Alessandro Bertini

Mediazione ASL Sale Scuola Viaggi

Di seguito vi presentiamo l’articolo che ha pubblicato CLARUS sul progetto di Alternanza Scuola Lavoro che abbiamo realizzato con l’IIS De Franchis di Piedimonte Matese. Grazie per l’articolo e per la bella esperienza reciproca che siamo riusciti a realizzare 🙂

De Franchis Rimini Sale Scuola Viaggi

Gli studenti delle classi quinte dell'Istituto "De Franchis" hanno soggiornato a Rimini, dal 16 al 20 aprile, dove hanno simulato una start-up, nell'ambito del progetto di Alternanza Scuola-Lavoro

Si è conclusa un’esperienza davvero costruttiva per gli studenti dell’Istituto V. De Franchis di Piedimonte Matese, alle prese con il percorso Alternanza Scuola-Lavoro. Gli alunni delle classi quinte, con la collaborazione di due tutor dell’Agenzia Sale Scuola Viaggi, hanno avuto il compito, sfruttando la creatività e le nozioni apprese nel corso della formazione, di simulare una start-up.

L’attività si è tenuta a Rimini, presso l’Hotel Biancamano, dal 16 al 20 aprile. Gli alunni, nel simulare la start-up, sono stati divisi in gruppi per una maggiore comunicazione e collaborazione. Stare insieme ad altri studenti ha rappresentato un punto di crescita per tutti; infatti ogni alunno, all’interno del proprio gruppo, ha avuto un ruolo ben preciso: dalla figura del presidente e del vicepresidente per la gestione interna, al comunicatore per la presentazione ufficiale dell’elaborato, al grafico curatore del design, al manager operativo. L’attività di ASL ha preso forma con la scelta dell’idea imprenditoriale da perseguire, l’attribuzione di un naming e di un payoff.

Successivamente, il progetto è stato sottoposto all’analisi SWOT, strumento di pianificazione strategica usato per valutare i suoi punti di forza (Strengths), di debolezza (Weaknesses), opportunità (Opportunities) e minacce (Threats). Dopo il lavoro di condivisione nei gruppi, gli studenti hanno potuto realizzare un pitch di presentazione della start-up, un modo per convincere ed avvicinare i clienti. Il pitch rappresenta una tappa fondamentale per ogni attività imprenditoriale. Al termine del corso, gli studenti hanno ricevuto un attestato di partecipazione, una nota di riconoscimento che servirà a testimoniare quanto appreso in tutto il percorso di Alternanza. Durante il soggiorno a Rimini, inoltre, si è avuta l’opportunità di visitare la Fabbrica Italiana Contadina (FICO), nella città di Bologna, una valida esperienza che arricchisce il bagaglio culturale. La FICO è il Parco Agroalimentare più grande al mondo e mette in evidenza le eccellenze italiane.

Grazie ai ragazzi e ai docenti per l'avventura! Insieme abbiamo visitato FICO Eataly, l'Acetaia La Vecchia Dispensa, il Museo del Parmigiano Reggiano e della Civiltà Contadina, il Museo del Prosciutto di Parma , Cesenatico con la Cooperativa dei Pescatori e il Podere dell'Angelo, conoscendo meglio le realtà e le eccellenze del territorio.

Di seguito vi presentiamo l’articolo che ha pubblicato IIS E.Majorana sul convegno “L’Alternanza Positiva: inchiesta sul 2017”

 

Rossano, all’IIS E.Majorana il convegno “L’Alternanza Positiva: inchiesta sul 2017” Sale Scuola Viaggi

Il 18 dicembre alle ore 8:30, l’IIS E. Majorana, dirigente Pina De Martino, il convegno L’Alternanza Positiva: inchiesta sul 2017 .Presentazione della II Inchiesta Nazionale sull’Alternanza Scuola Lavoro.Inaugurazione istituzionale alla presenza del Dirigente Scolastico Pina De Martino.

Verranno presentati inoltre i risultati dell’indagine statistica sull’andamento dell’alternanza scuola lavoro Anno scolastico 2016-2017. Per questa occasione, Sale Scuola Viaggi ha osservato l’andamento per il secondo anno di alternanza obbligatoria. Anche per i Licei. Svolgendo il monitoraggio quantitativo e qualitativo a campione dei percorsi di Alternanza scuola-lavoro. Realizzati a livello nazionale. Presentati inoltre, i risultati di questa indagine statistica. Relatori: Francesco D’Antonio – Responsabile Area Lavoro di Sale Scuola Viaggi

ROSSANO,IIS MAJORANA:IL LEARNING BY DOING

Altra parte importante è dedicata alle “Storie di successo” dal mondo della scuola: Learning by doing. Per chi è dell’idea che fare ed imparare debbano andare preferibilmente di pari passo. Converrete che l’esperienza sia una tra le migliori scuole possibili. L’esperienza del “learning by doing”.Realizzata tramite l’alternanza scuola lavoro, è ad oggi la scelta dal maggior ritorno qualitativo. In questo incontro verranno presentate alcune “storie di successo” di progetti di alternanza scuola lavoro implementati da Istituti superiori di tutta Italia. Relatori: Samuele Zerbini – Direttore di Sale Scuola Viaggi.

ROSSANO,IIS MAJORANA:L’ITALIA CHE CRESCE LA CITTA’ CHE CRESCE, ALTERNANZA IN GITA

L’Alternanza Innovativa: «L’Italia che cresce».«La città che cresce», Alternanza In Gita, progetti PON in Italia e all’estero.Come garantire ai giovani opportunità professionalizzanti ed accompagnarli nel percorso verso il mondo del lavoro? Si parlerà di Alternanza Scuola Lavoro Innovativa. I progetti “L’ITALIA CHE CRESCE “ e ”CITTA’ CHE CRESCE”. Che consentono agli Istituti scolastici di fornire ai propri studenti un’offerta innovativa nell’ambito di tirocini curriculari. Ed una maggiore connessione al mercato del lavoro. ALTERNANZA IN GITA, in cui si è voluto unire alla “classica gita” e “stage linguistico”. Un pacchetto di attività di alternanza scuola lavoro con focus specifici. Relatori: Andrea Amati – Responsabile area Sale Scuola Viaggi

Per la prima volta, i progetti PON FSE sono stati allargati a tutt’Italia. Negli anni ne abbiamo realizzati più di trecento.Come funzionano, esperienze realizzate. Come programmarli, come realizzarli, come gestirli. L’evento è organizzato da Sale Scuola Viaggi in partnership con IIS “E.MAJORANA”. Istituto Scolastico in Via Nestore Mazzei – 87067 Rossano

Alternanza Positiva I.P.S.E.O.A."CARLO PORTA" MILANO

Un sincero grazie all’I.P.S.E.O.A. Carlo Porta di Milano  per averci ospitato per il Secondo Convegno Sull’Alternanza Positiva e grazie a tutti i professori partecipanti per questo scambio reciproco e costruttivo 

Convegno Milano: Alternanza Positiva presso l'I.P.S.E.O.A."CARLO PORTA" MILANO - Sale Scuola Viaggi
L'Alternanza in gita raccontata da Paola - Sale Scuola Viaggi

Mi presento:

Sono Paola e sono una Tutor di Sale Scuola Viaggi. Amo particolarmente accompagnare i ragazzi nei progetti di Alternanza in Gita, perché è sorprendente vedere la loro trasformazione durante il percorso. Anche i professori restano positivamente stupiti! Questo mi spinge a migliorare me stessa, le mie capacità ed è fonte di vera soddisfazione sia condivisa con l’azienda e i colleghi, che personale. Ogni progetto è diverso e ogni scuola è diversa, quindi c’è ampio spazio per creare qualcosa di nuovo ogni volta, è bellissimo!

Un progetto che mi è rimasto particolarmente nel cuore:

Mi fa particolarmente piacere raccontare del progetto “Rimini Marketing”, in cui ho accompagnato gli studenti di un istituto della provincia di Cosenza dall’8 al 13 Maggio 2017.  In realtà i ragazzi frequentavano un liceo scientifico mentre la materia di Alternanza in Gita, il Marketing, non apparteneva in maniera diretta al loro percorso di studi. Quindi il nostro compito era quello di accompagnarli per mano in questa avventura alla scoperta di una materia quasi del tutto nuova.
I ragazzi hanno lavorato molto (più del solito, ci hanno riferito i professori) e il risultato è stato un feedback decisamente positivo da parte dei ragazzi che sono stati attenti agli incontri e ci hanno dimostrato curiosità, di aver appreso i concetti chiave e tanta soddisfazione per ciò che sono riusciti a realizzare.

rimini marketing parco - Sale Scuola Viaggi

Cosa fa la differenza:

In generale, penso che la pianificazione attenta del percorso di Alternanza in Gita sia di vero aiuto: un’agenda fitta di appuntamenti ed attività che permette agli studenti di mantenere molto alto il livello di concentrazione e di interesse; inoltre il confronto di qualità con i professionisti e la responsabilità di dover presentare un progetto ai compagni, aiuta decisamente i ragazzi ad alzare il proprio standard. D’altra parte noi li accogliamo come degli adulti! Questo fa loro piacere e ce lo dimostrano con il loro impegno!

Strumenti utilizzati:

L’Alternanza in Gita è realizzata tramite workshop con professionisti,  tutor e visite guidate. E’ supportata da materiale didattico, comeworkbook ed elementi multimediali progettati su misura. Le competenze acquisite sono concretizzate con lo sviluppo di  project work con votazione finale, presentato da ciascun gruppo di lavoro ai professori e ai compagni.

Rimini Marketing Sale Scuola Viaggi

Imparare divertendosi!

Le lezioni frontali e noiose non ci appartengono! Organizziamo sempre attività interattive ed incontri con esperti all’insegna della concretezza e della dinamicità.

Nella foto, un gruppo di studenti in visita al Rimini Innovation Square.

Una Tutor racconta l'Alternanza in Gita - Sale Scuola Viaggi

Di seguito vi presentiamo l’articolo che ha pubblicato altarimini sul progetto di Alternanza Scuola Lavoro che abbiamo realizzato con l’ISS “Tonino Guerra” di Novafeltria. Grazie per l’articolo e per la bella esperienza reciproca che siamo riusciti a realizzare 🙂

alexeclaudiadublin sale scuola viaggi

Grazie alla dinamica sinergia tra i docenti del Consiglio di Classe, il Dirigente, l’agenzia Sale Scuola Viaggi di Rimini ed importanti aziende enogastronomiche del centro di Dublino, gli studenti Selimaj Claudia e Baldelli Alex, iscritti al 4° anno dell’Istituto Alberghiero Tonino Guerra, hanno potuto praticare il loro inglese e lavorare a Dublino, alloggiando in una famiglia locale per ben due mesi, dal 23 giugno al 21 agosto. Un progetto grazie al quale i ragazzi hanno migliorato sia la loro competenza linguistica che quella professionale, realizzando appieno la finalità di integrazione con il mondo del lavoro in un contesto organizzativo internazionale.

Seguiti dai loro tutor in Italia ed a Dublino, Alex e Claudia ne sono usciti entusiasti e soddisfatti.

Come sostiene la prof.ssa Guidi, intervistata per l’occasione, “Il progetto nasce dalla propensione sempre più forte dell’Istituto Tonino Guerra all’Internazionalizzazione, il cui scopo principale è quello di offrire agli studenti la possibilità di completare e valorizzare la loro formazione, arricchendola di un’ulteriore esperienza in ambito internazionale ed interregionale in un contesto lavorativo avanzato, che offre competenze di particolare innovatività”.

I ragazzi hanno svolto in maniera eccellente il loro compito, tanto che entrambe le strutture di cui sono stati stagisti a Dublino (nel quartiere “Temple Bar” per Alex, presso il Wallace’s, Ristorante Aqua, sul Porto Canale di Dublino per Claudia, entrambi locali di alto livello) hanno offerto loro un lavoro per la prossima estate.

Molto soddisfacente, in quest’ottica, anche l’esperienza di alternanza scuola lavoro in Val D’Aosta, in una struttura ricettiva tipica del territorio, per un altro studente del quarto anno, Urbinati Jonathan.

Quella dell’Alternanza Scuola Lavoro all’Estero è un’importante innovazione per l’impianto formativo del Polo Tonino Guerra, perché punta ad aprire le porte della scuola alle esperienze e alle competenze che si formano fuori dall’aula, unendo sapere e saper fare per l’apprendimento di competenze utili al futuro inserimento nel mondo del lavoro. E, in questo caso, perché no? Magari nel mercato del lavoro valdostani e irlandese. Lo auguriamo a questi ragazzi della Valmarecchia che si sono veramente fatti onore.

E sempre più esperienze di questo tipo offrirà la scuola. Quest’anno riproporremo l’esperienza dublinese ad altri studenti meritevoli. In aggiunta, abbiamo vinto un bellissimo progetto Erasmus dal titolo “Green Economy per la valorizzazione dell’Appennino”, patrocinato da Confindustria Romagna, Confindustria Pesaro e dall’Ente Parco Simone e Simoncello, un progetto che permetterà a vari studenti dell’enogastronomico e del Biologico, in sinergia con ben altre 9 scuole dell’Appennino (Gubbio, Norcia, Urbino, Sassocorvaro, Pesaro etc.) che sono in rete con il Tonino Guerra, di partire e fare esperienze di formazione e alternanza scuola-lavoro le in vari paesi europei, finanziati interamente dall’Ue.

ARTIGIANATO Veneto Sale Scuola Viaggi

ARTIGIANATO

Il nostro progetto vuole svelare i segreti di un lavoro che produce ricchezza e occupazione attraverso molteplici attività diffuse capillarmente nel territorio. L’attività artigiana si fonda sulla figura dell’artigiano, imprenditore e lavoratore e agli studenti sarà data l’opportunità di osservare varie tipologie di mestieri dalla lavorazione del legno, all’arte orafa, dal calzaturificio, al vetro soffiato, realtà che esaltano il lato artistico e manuale, un’evoluzione continua. Il che parla di tradizione ed innovazione allo stesso tempo.

VENETO

Il Veneto è una regione ricca e varia e una delle sue realtà economiche e sociali più rilevanti è l’Artigianato. Il suo patrimonio artistico, storico, architettonico e paesaggistico così vasto la rende una delle regioni più visitate d’Italia. La visita che proponiamo alle ville venete sarà il valore aggiunto di una proposta già così interessante, un percorso classico che lascia sempre piacevolmente meravigliati. Cosa aspettate?

veneto sale scuola viaggi

UN PIZZICO DI SALE

ORE IN ALTERNANZA: Fino a 40 ore di attività di Alternanza Scuola Lavoro(come da guida MIUR).
TUTOR SPECIALIZZATO: Tutor Sale Scuola Viaggi a disposizione per l’intera durata del viaggio, per accompagnare ed affiancare i ragazzi in tutte le attività.
MATERIALE DIDATTICO: Materiale didattico e workbook su misura per ogni progetto con approfondimenti, riflessioni ed attività da realizzare in gruppo o individualmente.
INGRESSI E VISITE GUIDATE: Incontri con esperti, visite aziendali e attività formative.

ESCLUSIVA

Realizzare l’Alternanza in Gita con Sale Scuola Viaggi significa accedere ad un programma studiato attentamente per permettere ai ragazzi di andare alla scoperta di una città europea e di avvicinarsi al mondo del lavoro. Alle ore della gita scolastica vengono infatti affiancati momenti di formazione e attività professionalizzanti. Un’opportunità unica capace di suscitare interesse e curiosità negli studenti, che alternano visite guidate in azienda a workshop con interlocutori del settore. I ragazzi infatti concretizzano subito le competenze acquisite durante gli incontri grazie allo sviluppo di project works e simulazioni d’impresa. Una forma innovativa per stimolare i ragazzi a mettere in pratica le competenze scolastiche e quelle acquisite durante il percorso, per motivarli a potenziare anche le loro competenze trasversali da spendere sia nella vita che sul mercato del lavoro.

Questo è il programma di un progetto di Lingua ideato l’anno scorso che ha avuto molto successo. È aperto a tutti gli Istituti, e per l’occasione della riapertura dei PON C1 all’estero 2014 abbiamo organizzato un’edizione estiva.

Vi proponiamo i nostri corsi nella stessa modalità con cui è richiesto dal bando ministeriale, in modo da rendere più semplice la valutazione del nostro progetto.

Si tratta di un Corso di Lingua all’interno del quale sono presenti elementi di innovazione.

 

Possiamo offrire diverse possibilità e sistemazioni. Corsi di francese di alto livello, sostenuti da progetti di attività sociali in grado di far vivere il periodo di studio al meglio.

Non offriamo corsi standard, ma progettiamo ogni corso su misura per ciascuna scuola, proponendo visite aziendali, o momenti di approfondimento linguistico legati allo specifico indirizzo scolastico o alle necessità della scuola.

Inoltre, per le scuole che lo vogliono, si può accedere ad un progetto di grande valenza.

Oltre a prevedere tour in CLIL, si viene inseriti dentro il nostro esclusivo progetto L’EXPÉRIENCE LUMIÈRE, e durante le settimane di permanenza verranno quindi inseriti grandi giochi dentro Parigi, con la finalità di entrare meglio dentro la cultura e la storia francese, approfondire la lingua attraverso il gioco e rendere la proposta ancora più interessante. Inoltre, le scuole che si affideranno a noi potranno avere l’assistenza della sede del nostro partner a Parigi.

Il progetto si svolgerà come una gara per tutta l’estate fra le varie scuole presenti all’estero, che potranno caricare sulla pagina dedicata video, foto, testi e che serviranno a raccogliere punti e sfidare altre scuole italiane che partecipano al progetto. Il gruppo vincitore del contest otterrà premi e visibilità per la scuola.

Vi invitiamo a mettervi in contatto con noi per ricevere informazioni: i posti sono limitati!

Per poter offrire alle scuole il meglio, abbiamo stretto una partnership con Paris Language con il compito di assistere gli studenti e le scuole italiane che si recano in Francia, per studio o per iniziare uno stage.

CARATTERISTICHE DEI DESITNATARI

Alunni delle classi Terze, Quarte e Quinte dei vari indirizzi.

In particolare, ad essere oggetto del progetto saranno studenti che hanno mostrato particolare interesse allo studio delle lingue straniere, o per i quali lo studio approfondito di una lingua straniera può essere la modalità adeguata per attivare le proprie capacità, un migliore inserimento nel gruppo classe e un avviamento migliore verso l’anno scolastico successivo.

OBIETTIVI DEL PROGETTO

Acquisire competenze linguistiche relative almeno ad un livello A2 per le terze e B1 per le quarte e precisamente:

  • saper sostenere un dialogo in lingua riguardo il proprio lavoro o su argomenti di cultura generale
  • comprensione dei punti chiave di messaggi orali riguardanti argomenti familiari
  • interazione in situazioni comunicative con parlanti madre lingua all’estero o in Italia
  • comprensione di testi scritti di uso corrente legati alla sfera quotidiana e al lavoro
  • avvicinamento alla microlingua del settore di studio
  • valorizzazione delle competenze generali e della crescita personale attraverso il confronto con un altro Paese europeo, con diverse modalità di vita
  • inserimento delle competenze linguistiche generali e di microlingua all’interno del bagaglio culturale dello studente, finalizzato alla crescita dell’autonomia personale e del sentimento di un’unica cittadinanza europa
  • ampliamento della propria cultura generale attraverso visite guidate
  • miglioramento delle capacità di convivenza, tramite un confronto con persone provenienti da altri Paesi in un ambiente diverso e stimolante

METODOLOGIE

  • Lezioni frontali classiche e casi “in situazione”
  • simulazione/Role playing
  • insegnamento individualizzato
  • cooperative Learning
  • problem solving
  • didattica laboratoriale
  • sfida all’interno della città di destinazione con altri gruppi scolastici provenienti da altre parti d’Italia e del mondo, utilizzando l’ambiente urbano (segnali stradali, strade, indicazioni, negozi, monumenti)
  • visite guidate in lingua
  • giochi di sfida a gruppi (cosiddetti “grandi giochi” o “giochi di gruppo”) in lingua e all’interno di ambienti alternativi rispetto all’aula
  • attività sociali, visite a musei, monumenti, attrazioni
  • visite aziendali presso aziende e strutture inerenti al proprio corso di studi

RISULTATI ATTESI

  • Saper sostenere una conversazione di argomenti inerenti fatti personali oppure il proprio lavoro
  • sapersi esprimere correttamente anche per iscritto, e saper leggere testi brevi e medi in lingua straniera
  • essere autonomi nella propria gestione in un ambiente diverso
  • aumentare il proprio rendimento scolastico, e maturare competenze spendibili sul mondo del lavoro

L’esperienza di soggiorno di studio all’estero deve anche contribuire a far crescere le “competenze di cittadinanza degli allievi”, in particolare la loro capacità di comunicare, risolvere problemi, collaborare e partecipare. Questo avverrà soprattutto tramite l’interazione con la città e con altri gruppi. Inoltre, conoscere le realtà di altri contesti promuoverà l’acquisizione di competenze interculturali, la capacità di apprezzare e valorizzare le differenze e potrà contribuire allo sviluppo di una “cittadinanza europea”.

IL PROGETTO

Da tempo siamo partner di alcune fra le migliori scuole di Francese. Durante la permanenza agli studenti verranno proposte lezioni ed un ricco programma sociale.
Questo prevede:

  • corso di grammatica, di utilizzo della lingua.
  • storia della cultura francese e della Francia, nonché di Parigi
  • attività sociale come visite alle gallerie londinesi, i percorsi di Londra, Musei, visita a Brighton, all’Abbazia di Westminster, Dover e molte altre
  • progetto PARIS: L’EXPÉRIENCE LUMIÈRE – edizione estiva

In questo modo si possono sfruttare al meglio le settimane passate in Francia, approfondendo e traendo tutto quello che può servire per il prosieguo dell’attività di studio, lavorativa e di vita di ciascun studente.

Possiamo offrire anche corsi per docenti o job shadowing.
Inoltre, se si preferiscono scuole di altre località, abbiamo numerose scuole in varie località del Regno Unito e Irlanda.

PARIS: L’EXPÉRIENCE LUMIÈRE

Si tratta di un nostro progetto, finalizzato alla migliore comprensione della cultura e della lingua attraverso giochi divertenti in giro per la città di Londra, sfidando le altre scuole presenti tra quelle che hanno aderito.

Due giorni a settimana verranno proposti quiz, cacce al tesoro, contest fotografici e altre attività che daranno punteggi. Alla fine, la classe vincitrice otterrà un premio per tutti gli studenti del gruppo.

CHI COLLABORA CON NOI

  • Paris Langue
  • Fiap

PARTECIPANTI

I progetti sono previsti per 15 studenti, con possibilità di gratuità. Inoltre, uno/due docenti, con possibilità per il Dirigente Amministrativo o il DSGA di visitare i luoghi.

SALE SCUOLA VIAGGI BLOG

 
Richiesta Informazioni
"Tutte le informazioni raccolte tramite moduli di registrazione saranno trattati secondo il Regolamento UE n. 679 del 2016 e utilizzati da Sale Scuola Viaggi per rispondere a richieste di informazioni e assistenza clienti. Tali informazioni non saranno trasmesse a terze parti e ne potrà essere richiesta in qualsiasi momento la modifica e la cancellazione. Informativa sul trattamento dei dati personali.
L'accettazione è obbligatoria per poter procedere all'invio dei dati."
Loading...